TECNOLOGIA PC4YOU

Tecnologia Pc4you esclusiva implementata su alcuni nostri pc configurati con secondo e terzo disco per garantire "continuità operativa" e "protezione dati" (anche in caso di guasti hardware e software o attacchi virus ransomware e cryptolocker).

Nessun fermo macchina

Nessun fermo macchina se l'hard disk si guasta o se Windows non si avvia grazie alla nostra tecnologia che permette al pc di avviare il sistema dal secondo hard disk. Infatti, tramite il doppio disco ssd, viene fatta una clonazione iniziale della macchina (dopo la completa installazione di Windows e Programmi), in cui verranno sincronizzati, al termine di ogni giornata lavorativa, tutti i dati creati o modificati.

Nessuna perdita di dati

Nessuna perdita di dati se l'hard disk si guasta, se Windows non si avvia o se un virus ti attacca grazie alla nostra tecnologia con 3 hard disk. Infatti, aggiungendo un terzo disco meccanico, si potrà godere di backup a doppia tecnologia. In questo caso avremo il backup sia su disco elettronico e sia su disco meccanico, ed i casi di rottura dei due dischi sono molto differenti. Il disco elettronico potrebbe soffrire per via di corrente non stabile, mentre il disco meccanico potrebbe soffrire per via di accensioni e spegnimenti continui, quindi è molto improbabile un caso di rottura di entrambi i dischi.

Nessun ripristino operativo

In caso di problemi sul primo hard disk i nostri pc si avviano dal secondo hard disk con tutti i tuoi documenti salvati e programmi installati. Infatti, come spiegato sopra, con il secondo disco clonato e pronto dopo la completa installazione dei programmi, con la sincronizzazione giornaliera effettuata si avranno ogni giorno i dati del giorno precedente pronti all’utilizzo

Se cancelli erroneamente un documento

Ogni sera viene sincronizzato il nuovo contenuto, quindi significa che se cancelli un file o lo modifichi erroneamente, puoi recuperare quello del giorno prima entro le 24 ore.

Se un virus ti attacca sul primo hard disk

Se un virus ti attacca sul primo hard disk, comunque prima della successiva sincronizzazione puoi recuperare dal secondo hard disk tutti i file del giorno prima automaticamente. Infatti, quando i virus attaccano un sistema, tentano di attaccare e corrompere tutte le lettere di unità presenti nel pc. Semplicemente si va ad utilizzare una tecnologia hidden letters, cioè verrà visualizzato soltando il disco con il sistema. Il secondo disco sarà utilizzabile dal pc per il salvataggio dei dati, ma non sarà visibile all’interno del sistema, quindi sarà anche maggiormente protetto dai virus.

Se un virus ti attacca anche sul secondo hard disk

Nel caso di un attacco virus ad entrambi gli hard disk, utilizzando il backup a tre dischi, oltre alla sicurezza del disco meccanico per le rotture, implementiamo anche la tecnologia Pc4You Secure Zone. Praticamente come il secondo disco, anche il terzo disco è nascosto, ma oltre ad essere nascosto è anche protetto da agenti esterni (quindi non può essere utilizzato né dai virus, né dagli utenti), visto che può essere solo aperto dal software di backup. Si può fare un’analogia con una cassaforte. Quando mettiamo i nostri oggetti di valore in una cassaforte, la chiudiamo per evitare accessi esterni, e magari la mettiamo in una zona non visibile (un angolo nascosto o dietro un quadro). La stessa cosa vale per il disco, andiamo a creare una zona sicura (cassaforte), e la nascondiamo dall’accessibilità esterna andando anche ad impostare una password (il codice di apertura della cassaforte). In questa “cassaforte digitale” vengono copiati tutti i dati, con cadenza settimanale o mensile (in base alla mole ed alla tipologia di dati).

Allora, perché non utilizzare un NAS???

La “Zona Sicura” è nascosta e protetta in un disco, a sua volta nascosto nel sistema, quindi il disco non è direttamente esposto online. Al contrario, invece, un NAS è costantemente esposto ad internet ed attacchi informatici. Negli ultimi due anni ci sono stati moltissimi casi di attacchi da parte di Hacker a NAS in tutto il mondo e un buon 80% di NAS sono stati criptati. Le aziende più famose di NAS (QNAP e Sinology), che sono  anche quelle che garantiscono una maggior sicurezza informatica, sono state proprio quelle più bersagliate. Infatti nei link seguenti si possono leggere alcuni degli attacchi subiti negli ultimi due anni:

22/04/2021

https://www.cybersecurity360.it/nuove-minacce/ransomware/qlocker-il-ransomware-che-blocca-laccesso-ai-nas-qnap-ecco-tutti-i-dettagli/

 

28/12/2021

https://www.redhotcyber.com/post/i-nas-di-qnap-attaccati-dal-ransomware-ech0raix-tra-i-1200-e-i-3000-dollari-per-riavere-i-file/

 

27/01/2022

https://www.cybersecurity360.it/nuove-minacce/ransomware/deadbolt-il-ransomware-che-attacca-i-nas-di-qnap-ecco-come-proteggere-i-dati/

 

08/07/2022

https://www.securityopenlab.it/news/2156/nas-qnap-attaccati-con-il-ransomware-checkmate.html

 

06/09/2022

https://www.securityopenlab.it/news/2232/ransomware-deadbolt-attacca-i-nas-qnap-e-urgente-installare-la-patch.html

 

PROTEZIONE PLUS++

Per concludere il tutto, possiamo aggiungere ancora una ciliegina sulla torta. Infatti per chi lo desidera, possiamo aggiungere una tecnologia di esclusività della Lan interna. Si potrà pensare di creare un Server offline, scambiatore di dati, a cui è possibile accedere. Il Server però non sarà visibile online, quindi funzionerà soltanto sulla rete interna, a differenza degli altri pc che potranno normalmente andare online. Questa tecnologia aggiunge un ulteriore step di sicurezza, visto che l’unico modo per infettare il server potrebbe essere quello di copiare il virus dagli altri computer della rete o da un dispositivi fisico esterno che viene collegato al Server.

 

Modulo di contatto